Chirurgia protesica

  • Protesi anatomica della spalla
  • Protesi inversa della spalla
  • Chirurgia protesica della spalla – protesi anatomica ed inversa
  • Protesi monocompartimentale del gomito
  • Protesi capitello radiale
  • Protesi totali di polso
  • Protesi sostitutive dell'osso scafoide
  • Protesi sostitutive dell'osso semilunare
  • Protesi dell'articolazione interfalangea
  • Protesi dell'articolazione metacarpo-falangea
  • Protesi totale dell’anca
  • Chirurgia di revisione dell'artroprotesi d’anca
  • Chirurgia di revisione settica dell'artroprotesi d'anca
  • Chirurgia protesica computer assistita dell’anca
  • Protesi mininvasiva del ginocchio
  • Protesi monocompartimentale mediale e laterale
  • Protesi monocompartimentale con ricostruzione del LCA
  • Protesi totali a conservazione del legamento crociato posteriore
  • Protesi del ginocchio
  • Chirurgia di revisione delle artroprotesi di ginocchio
  • Chirurgia protesica computer assistita del ginocchio
  • Chirurgia protesica tibiotarsica

L’attività di chirurgia protesica oggigiorno è diventata strumento di cura indispensabile per il trattamento delle patologie all’anca, del ginocchio e della spalla.
In presenza di artrosi delle maggiori articolazioni l’impianto di protesi permette di curare le malattie degenerative articolari, con risultati eccellenti.
Grazie all’evoluzione delle tecniche e dei materiali all’avanguardia, l’impianto di protesi consente di ottenere un risultato duraturo togliendo il dolore e restituendo mobilità e funzionalità normali all’articolazione e, in una persona attiva e giovane , fornisce la possibilità di praticare alcune attività sportive.
Di seguito sono elencati alcuni esempi di chirurgia protesica maggiormente effettuati.

Chirurgia protesica della spalla : protesi di spalla

Le cause principali di un intervento di protesi di spalla sono varie, la più frequente è l’artrosi e le artropatie degenerative che comportano rispetto alla spalla normale la perdita delle cartilagini di rivestimento e dei tendini con conseguente scomparsa dello spazio articolare tra omero e scapola, la deformazione delle superfici articolari e la formazione di escrescenze ossee dette osteofiti.
Ciò può avvenire spontaneamente con l’invecchiamento o essere favorito e/o condizionato da danni precedenti all’articolazione, ad esempio traumi severi o ripetute lussazioni di spalla.
Vi è la giusta indicazione alla scelta di una chirurgia protesica quando una delle malattie elencate porta ad un dolore intenso e mal controllabile e ad una perdita importante dei movimenti della spalla, per cui il paziente non è più in grado di utilizzare il braccio e la mano omolaterale con conseguente grave inabilità.

La chirurgia protesica dell'anca – protesi di anca

L’intervento chirurgico di innesto dell’impianto protesico di anca si pratica al paziente per ridurre la sintomatologia dolorosa, per il recupero della mobilità e la funzionalità degli arti inferiori e, in caso di pazienti giovani, per restituire la possibilità di effettuare di nuovo attività sportive.
Le cause principali sono le malattie degenerative, le fratture o la displasia congenita.
L’intervento di chirurgia protesica viene effettuato da un chirurgo ortopedico specialista del campo, in collaborazione con un’equipe di personale specializzato e competente in materia.
In particolar modo l’anca ha bisogno di un impianto artificiale la cui superficie, per permettere un facile scorrimento, è rivestita di metallo, ceramica o polietilene, queste ultime nei pazienti allergici.
Dopo aver riscontrato che la terapia farmacologica non ha conseguito nessun tipo di risultato, il chirurgo ortopedico effettua un’accurata diagnosi attraverso un accertamento approfondito mediante RMN o TAC.
All’atto chirurgico al paziente verrà praticata un’incisione di pochi centimetri, eseguendo poi una via d’accesso che può essere tradizionale o di tipo mini-invasivo, divaricando poi la muscolatura e procedendo all’innesto dell’impianto, che va a sostituire la testa o il collo del femore o la parte cotiloidea dell’anca.
Dopo l’intervento e una degenza ospedaliera di circa una settimana , si procede poi alla terapia riabilitativa in una struttura specializzata per altre 2/3 settimane.

Chirurgia protesica del ginocchio : protesi ginocchio

Se il ginocchio è gravemente danneggiato dall’osteoartrosi, da un trauma, dall’artrite reumatoide, se si è impossibilitati a salire e scendere le scale, fino a giungere nei casi più gravi, all’inabilità, è opportuno rivolgersi a chirurghi ortopedici che, con scrupolosità ed efficienza, procedono alla diagnosi della patologia e decidono, dopo accurati accertamenti, se è necessario praticare un intervento chirurgico di impianto protesico.
Sostituire parte del ginocchio con le innovative protesi in metallo, polietilene o ceramica, quando la sola fisioterapia, la cura farmacologica o le infiltrazioni al ginocchio, non hanno dato nessun tipo di risultato soddisfacente, permette di eliminare il dolore al ginocchio, correggere le deformità ossee e ritornare a una normale attività di vita quotidiana.
La chirurgia protesica al ginocchio si avvale di impianti artificiali che vanno a sostituire le superfici ossee. Il chirurgo, durante l’intervento va ad eliminare la superficie di cartilagine e una piccola quantità di ossa danneggiate e procede al posizionamento delle protesi, componenti metalliche che ricreano la superficie ossea al di sopra della tibia e all’estremità inferiore del femore.
Dopo l’intervento chirurgico e la successiva degenza in ospedale di circa una settimana dove verrà utilizzato un macchinario per la ginnastica passiva e una prima fisioterapia con personale specializzato, per prevenire le rigidità articolari, ridurre il gonfiore e migliorare la circolazione sanguigna si procederà al Progetto Riabilitativo Individuale P.R.I..

Casa di Cura San Giovanni Srl: Via Matteo Civitali, 71 - 20148 Milano - P.Iva/Cod.Fisc.: 03181010152 - Reg. Imp. di Milano 97032 - Rea Milano 493101 - Cap.Soc. 26.000,00 € i.v. | Privacy Policy & Credits